Pelle mista o grassa: la base impeccabile

Quando si ha una pelle mista o grassa è facile pensare di dover “asciugare” la pelle affinché l’aspetto sia meno “unto” e il makeup duri di più.

Ci si rivolge così, spesso, a prodotti molto aggressivi o disseccanti, oppure si riduce drasticamente l’idratazione della pelle, nella convinzione che una crema emolliente vada a peggiorare ulteriormente la situazione.

In realtà, pelle grassa non significa pelle sana e idratata: una pelle grassa, che dunque produce più sebo rispetto ad una pelle normale o secca, può benissimo essere disidratata e quindi influire anche sulla performance del fondo che si decide di utilizzare.

Partiamo da un assunto che pare ovvio, ma che nella pratica è comunque spesso trascurato: una base impeccabile si ottiene su una buona pelle, quindi attraverso una corretta detersione e una skincare adeguata.

Per evitare che impurità, residui di makeup e l’inquinamento che purtroppo è presente nell’aria si depositino nei pori, favorendone anche l’occlusione, la pelle del viso andrebbe detersa almeno due volte al giorno, mattino e sera. Nel caso di una pelle grassa, mista o impura, sarebbe opportuno evitare struccanti con un’importante base di oli, preferendo invece formulazioni più leggere. L’acqua micellare TorbaMoor, grazie all’azione congiunta delle proprietà detossinanti della torba e lenitive della camomilla romana, permette una detersione ottimale e delicata.

Se dovete rimuovere un trucco pesante oppure avete usato un SPF, è meglio optare per una doppia detersione, introducendo una quota lipidica. Per evitare balsami struccanti o oli puri, un’idea può essere quella di unire alla vostra acqua micellare un olio piuttosto leggero, come l’olio di mandorle dolci o anche l’olio di karité (da evitare il noto olio di cocco, spesso comedogenico), creando così uno struccante bifasico personalizzato. Potrete poi passare alla seconda detersione: per rimuovere gli ultimi residui in maniera delicata e non aggressiva, anziché il classico detergente schiumogeno, potete utilizzare nuovamente l’Acqua micellare TorbaMoor, questa volta da sola, così da non intaccare eccessivamente la barriera idrolipidica dell’epidermide.

È il momento della crema. Non saltate questo step neanche pre-trucco, perché oltre a prendervi cura dell’aspetto della vostra pelle state anche gettando le fondamenta per una base impeccabile. La Crema purificate TorbaMoor, con torba multiattiva e detossificante, contiene numerosi ingredienti che la rendono adatta all’uso anche prima del makeup: l’acido glicirretinico, ottenuto dalla liquirizia, lenitivo e antisettico, la buddleia antiossidante, l’aloe e l’acido ialuronico idratanti. Ma l’estratto che fa la vera differenza è quello di semi di zucca, che ha proprietà astringenti e mattificanti, per rendere la pelle naturalmente più opaca.

Conclusa la skincare, che può essere ulteriormente arricchita per rispondere a ciascuna esigenza, è finalmente il momento della base. Sono numerose le soluzioni che si presentano a questo punto. Fondi minerali compatti o in polvere libera, fondotinta effetto matte che si auto-settano e, quindi, tendono già ad asciugarsi…

Se la pelle è molto impura e presenta numerose imperfezioni, andremo alla ricerca di coprenza e quindi ci rivolgeremo a fondotinta in crema ad alta concentrazione di pigmento, avendo cura di scegliere di preferenza formulazioni oil-free e di fissare il tutto con un’adeguata quantità di cipria. In questo caso, ricordatevi di struccare sempre molto bene la pelle a fine giornata e successivamente nutrirla avvalendovi, prima della crema, anche di un siero, come il Siero viso TorbaMoor con acido ialuronico e un complesso di alghe antiossidante.

Se la pelle tende a lucidarsi, ma non sono presenti particolari imperfezioni o semplicemente si preferisce una base leggera, potrebbe essere interessante una tecnica poco diffusa in Italia e spesso presentata dal celebre Make-Up Artist e Youtuber gallese Wayne Goss. Utilizzate un correttore solo per correggere l’angolo interno dell’occhio e la parte iniziale dell’occhiaia, avendo cura di sfumarlo verso l’interno e un po’ sulla palpebra superiore, evitando di diffonderlo eccessivamente verso l’esterno sotto all’occhio (dove potrebbe andare maggiormente a segnare le linee di espressione). A questo punto, utilizzando un piumino o una spugnetta, applicate una generosa quantità di cipria (del tono del vostro incarnato) su tutto il viso, insistendo affinché il prodotto entri bene nei pori. Utilizzate quindi un pennello ampio per rimuovere gli eccessi. L’aspetto sarà molto naturale, come se non indossaste make-up, ma più fresco e opaco.

Ricordatevi sempre che una buona skincare e un buon makeup devono essere personalizzati e che dovete adottare le strategie che meglio rispondono alle vostre esigenze, indipendentemente dai trend e dalle ricette che si possono trovare in giro!